Vivian Maier, una fotografa ritrovata

Arriva a Roma l’attesissima mostra retrospettiva Vivian Maier. Una fotografa ritrovata che ricostruisce il lavoro fotografico della grande e sconosciuta autrice. L’esposizione sarà ospitata dal Museo di Roma in Trastevere dal 17 marzo al 18 giugno 2017. È promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, prodotta da diChroma Photography, realizzata da Fondazione FORMA per la Fotografia in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, e curata da Anne Morin e Alessandra Mauro.

 

La vita e l’opera di Vivian Maier sono circondate da un alone di mistero che ha contribuito ad accrescerne il fascino. Tata di mestiere, fotografa per vocazione, non abbandonava mai la macchina fotografica, scattando compulsivamente con la sua Rolleiflex. È il 2007 quando John Maloof, all’epoca agente immobiliare, acquista durante un’asta parte dell’archivio della Maier confiscato per un mancato pagamento. Capisce subito di aver trovato un tesoro prezioso e da quel momento non smetterà di cercare materiale riguardante questa misteriosa fotografa, arrivando ad archiviare oltre 150.000 negativi e 3.000 stampe.

La mostra presenta 120 fotografie in bianco e nero realizzate tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8 che mostrano come Vivian Maier si avvicinasse ai suoi soggetti.

Figura imponente ma discreta, decisa e intransigente nei modi, Vivian Maier ritraeva le città dove aveva vissuto - New York e Chicago - con uno sguardo curioso, attratto da piccoli dettagli, dai particolari, dalle imperfezioni ma anche dai bambini, dagli anziani, dalla vita che le scorreva davanti agli occhi per strada, dalla città e i suoi abitanti in un momento di fervido cambiamento sociale e culturale. Immagini potenti, di una folgorante bellezza che rivelano una grande fotografa.

Le sue fotografie non sono mai state esposte né pubblicate mentre lei era in vita, la maggior parte dei suoi rullini non sono stati sviluppati, Vivian Maier sembrava fotografare per se stessa.

Osservando il suo corpus fotografico spicca la presenza di numerosi autoritratti, quasi un possibile lascito nei confronti di un pubblico con cui non ha mai voluto o potuto avere a che fare. Il suo sguardo austero, riflesso nelle vetrine, nelle pozzanghere, la sua lunga ombra che incombe sul soggetto della fotografia diventano un tramite per avvicinarsi a questa misteriosa fotografa.

Vivian Maier. Una fotografa ritrovata presenta al pubblico l’enigma di un’artista che in vita realizzò un enorme numero di immagini senza mai mostrarle a nessuno e che ha tentato di conservare come il bene più prezioso.

Come scrive Marvin Heiferman “Seppur scattate decenni or sono, le fotografie di Vivian Maier hanno molto da dire sul nostro presente. E in maniera profonda e inaspettata… Maier si dedicò alla fotografia anima e corpo, la praticò con disciplina e usò questo linguaggio per dare struttura e senso alla propria vita conservando però gelosamente le immagini che realizzava senza parlarne, condividerle o utilizzarle per comunicare con il prossimo. Proprio come Maier, noi oggi non stiamo semplicemente esplorando il nostro rapporto col produrre immagini ma, attraverso la fotografia, definiamo noi stessi”.

Accompagna la mostra il libro Vivian Maier. Fotografa pubblicato da Contrasto.

Dove

Museo di Roma in Trastevere Piazza di Sant’Egidio, 1/b  Roma

Quando

17 marzo – 18 giugno 2017

Orari

da martedì a domenica ore 10-20, chiuso lunedì e 1 maggio

La biglietteria chiude alle ore 19.00

Promossa da

Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Prodotta da

 

Realizzata da

diChroma Photography

Fondazione FORMA per la Fotografia in collaborazione con Zètema Progetto Cultura

   

A cura di

 

Catalogo

Anne Morin e Alessandra Mauro

Contrasto

Biglietti

Tariffe non residenti: Intero € 9,50  -  Ridotto € 8,50

gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Info

www.museodiromaintrastevere.it - tel 060608

Last modified onDomenica, 26 Febbraio 2017 22:57
Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

back to top

Attualità

presentato il progetto di miglioramento stazione Metro C San Giovanni

19-10-2015 Hits:1856

Roma, 16 Ottobre 2015. È stato oggi presentato a un tavolo congiunto tra Roma Metropolitane, Società Metro C, il Dipartimento mobilità e trasporti di Roma Capitale e la Soprintendenza per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area archeologica di Roma un preliminare di progetto...

cerca nel sito

CULTURA

L'arte non è faccenda di persone perbene

11-03-2017 Hits:867 Cultura Eventiaroma.it

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea presenta il secondo appuntamento di Animatime, un approfondimento delle tematiche messe in campo dalla mostra Time is Out of Joint. L’arte non è faccenda...

PREMI

Premio "Arte: sostantivo femminile"

11-03-2017 Hits:936 Premi Eventiaroma.it

Domenica 12 marzo verrà consegnato a otto donne impegnate nel mondo dell’Arte e della Cultura il riconoscimento “Arte sostantivo Femminile”. Il premio, giunto alla sua IX edizione, è organizzato dall’Associazione...

EVENTI E MONDANITA'

a Palazzo Venezia pioggia di stelle al cocktail party per l'esposizione dello Studio Architettura Zacutti

07-06-2017 Hits:505 Eventi mondani Eventiaroma.it

a Palazzo Venezia pioggia di stelle al cocktail party per l'esposizione dello Studio Architettura Zacutti

Roma, 1 giugno 2017 - Per testimoniare l’impegno profuso nello svolgere con passione, impegno, dedizione e professionalità, il proprio lavoro, Giorgio Zacutti, docente di Storia dell’Architettura, fondatore e ispiratore dello...

STORIA

Roma 1943-1944: diari e memorie tra guerra e liberazione

27-03-2015 Hits:2354 Incontri Eventiaroma.it

Uno sguardo ravvicinato sulla quotidiana esperienza di guerra dei romani, vissuta tra il settembre 1943 e il 4 giugno 1944, e segnata da tre parole essenziali e caratterizzanti per la città: “fame”, soprattutto, e poi “paura” e “attesa”.

You are here:Mostre»Vivian Maier, una fotografa ritrovata

Sign In or Create Account